Da secoli la mente e il corpo sono considerati in stretta connessione tra loro e i disturbi psicosomatici rivestono un ruolo importante nella psicologia poiché evidenziano come il corpo sia un importante strumento di comunicazione di uno stato di sofferenza mentale o di disagio psichico.
Nell’ottica psicosomatica il sintomo rappresenta il messaggio di un disagio del paziente, messaggio che va letto all’interno della storia personale cogliendo tutti gli aspetti affettivo-relazionali e ambientali. Secondo tale visione, il sintomo psicosomatico può essere inteso come manifestazione attraverso il corpo di un conflitto che non riesce ad esprimersi attraverso le parole e le emozioni e viene scaricato nel corpo.
L’idea che il benessere fisico abbia un’influenza su sentimenti ed emozioni e che a loro volta questi ultimi abbiano un’influenza sul corpo è ormai largamente condivisa, ma non tutti ne sono consapevoli.

Le caratteristiche di un disturbo da sintomi somatici sono, sulla base del DSM V, le seguenti:

  • presenza contemporanea di molteplici sintomi somatici, che procurano disagio o portano ad alterazioni significative della vita quotidiana;
  • i sintomi possono essere specifici (come un dolore localizzato) o aspecifici (ad esempio spossatezza). La sofferenza dell’individuo è autentica, che sia spiegabile o non sia spiegabile dal punto di vista medico;
  • presenza di livelli molto elevati di preoccupazione riguardante la malattia. I sintomi fisici vengono vissuti come ingiustificatamente minacciosi, dannosi e fastidiosi.
  • elevato utilizzo di cure mediche, che di rado allevia la preoccupazione dell’individuo.

Il disagio viene comunicato attraverso il corpo, ma non vi è consapevolezza dei segnali che il proprio corpo manda.
I segnali del corpo possono essere sotto soglia, ma quando diventano più visibili ci troviamo di fronte a un disagio più marcato come ad esempio alopecie, ulcere, dermatiti, cefalee, coliti e tali disturbi possono portare ad una profonda sofferenza e difficoltà nell’affrontare il proprio percorso di vita.

Tag:                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *